A proposito di compleanni, cliché e vermicelles

A proposito di compleanni, cliché e vermicelles

Come i nostri Global Management Trainee hanno vissuto la Svizzera durante la pandemia.

Viaggiare all'estero per qualche mese, conoscere un'altra cultura, sembra una grande avventura. Ma cosa succede quando una pandemia tiene il mondo con il fiato sospeso? L’avventura va in fumo? No, dicono i nostri tre Global Management Trainee Mie Haugsted, Kirstine Rose Arfelt e Timo Edler. Sono in Svizzera da settembre 2020, rimarranno fino a dicembre e vivono il nostro Paese in modo molto speciale. Per ISS hanno sfogliato il loro album fotografico e ci hanno raccontato alcuni aneddoti.

Mie Haugsted, Danimarca

Il giorno del mio compleanno ho attraversato l'ufficio con una piccola bandiera danese, l'ho sventolata e ho detto a tutti che avevo portato del cioccolato. Le mie colleghe e i miei colleghi mi hanno ringraziata e hanno mangiato il cioccolato, ma nessuno mi ha augurato buon compleanno. Non riuscivo a capire, avevo chiaramente segnalato che fosse il mio grande giorno. Ore dopo si è risolto l'equivoco culturale e ho imparato: in Svizzera, portare la bandiera nazionale al lavoro non è un chiaro segno che sia il tuo compleanno. Solo in Danimarca è così.

Kirstine Rose Arfelt, Danimarca

Da ISS abbiamo ricevuto un elenco di ristoranti. Ne ho fatto una sfida e voglio riuscire a provare tutti i ristoranti prima che finisca il mio periodo in Svizzera. Dal punto di vista culinario la Svizzera ha incredibilmente molto da offrire. Ho già provato la fondue, ma mi manca ancora la raclette. Per quanto sia deliziosa la cucina svizzera, c’è un piatto che probabilmente non proverò più tanto presto. I miei due colleghi in ufficio hanno portato un dolce tipico. L'hanno annunciato in grande stile e hanno spiegato che è molto speciale e che si mangia solo in autunno. Dopo i primi morsi ho dovuto ammettere: i vermicelles non fanno per me.

Timo Edler, Germania

L'amicizia svizzero-tedesca è ben nota. Ora posso viverla di persona. E alcuni dei cliché sono veri. Ad esempio, sono sempre impressionato e sorpreso dalla puntualità degli svizzeri. Non riesco a ricordare un tram che non sia partito spaccando il minuto. Devo anche lodarvi per il vostro buon alto tedesco. Anche se in questo breve periodo di tempo mi sono quasi abituato al tedesco svizzero, sono sempre entusiasta quando la gente parla alto tedesco con me. Nella maggior parte dei casi quasi senza accento. Ma voglio spezzare una lancia anche per noi tedeschi. Viene detto, a volte, che non abbiamo senso dell'umorismo. Non è affatto vero. I miei colleghi di team possono confermarlo.